Somebody

Ahh Miranda July
Ha fatto e fa delle cose meravigliose, ti da consigli di sopravvivenza che voglio dire

e l’anno scorso ha poi creato questa cosa qui: We Think Alone, una mailing list a cui ti potevi aggiungere per ricevere vecchie mail di 20 persone, più o meno vipz, mandate a dei loro contatti personali, per 20 settimane di seguito, con un tema diverso ogni settimana. Praticamente un sogno, tipo curiosare nelle mail di Lena Dunham, o di Kirsten Dunst o di chicchesia.

Chiaramente mi sono iscritta subito, e siccome Miranda è una cara persona e si ricorda di te, ti scrive anche dei suoi nuovi progetti, e ieri mi ha scritto che insomma ha fatto una cosa nuova, con MIU MIU, che è questa cosa qui:

Che i messaggi su whatsapp sono il male del secolo, che poi ti bloccano la possibilità vedere quando si connettono, e tutti i discorsi sulla privacy, che se sei in un qualsiasi social network o hai anche solo un telefono intelligente, cosa perdi fiato a parlare del tuo desiderio di privacy.
Che poi quelli su facebook sono ancora peggio: ✓ Visualizzato alle. I’m watching you.
Allora ogni tanto è anche bello mandarsi i messaggini non via internet, vecchio stile, quelli senza facce e faccette, o delle mail, o delle lettere.. da quanto non ricevo una letterina?
Comunque Miranda che negli occhi vede cose che noi non vediamo e pensa cose che uau, ha deciso di creare un’app, ma non per finta, per davvero. Praticamente bypassa tutta la miseria dei messaggini e delle applicazioni dove ce li si manda, e con questa app tecnologico-analogica sceglierai chi sarà il postino del tuo messaggio, e capiterà che qualcuno verra da te, immedesimandosi nel mittente del tuo messaggino, con aggiunta di azioni: abbracciare, baciare e quelle cose dolci lì.

[stanotte l'ho comprata, attenti che poi vi mando una vecchina che vi abbraccia forte].

Like Knows Like *Wasted Rita

Una cosa che se ci si vuole bene bisogna fare una volta al mese, che non è poi così difficile, e se vuoi ci puoi andare anche tutti i giorni sempre e te lo metti anche nei preferiti, o non ci vai mai e poi te li guardi tutti uno dopo l’latro, insomma è andare QUI, o qui o qui. si è capito.

Ci trovi sempre le cose belle fatte dalla gente bella che dici uau.

E insomma questo mese c’è lei

che è lei

1610113_738733769471601_1937617702_n

non so se la conoscete, e non so se mi spiego.
Che tu dici sì vabbè lo faccio anche io, però lo fa lei. ecco.

Guardare tutto, dice cose che le vuoi riascoltare.

Molière in bicicletta

50260

Ma non ce n’era bisogno, tranquilla! e invece forse sì, me voilà

Seba, anche conosciuto come Saverio, mi consiglia sempre dei bei film (per lo più introvabili), e alla mia domanda: “Ma il Capitale umano l’hai visto?” mi risponde random parlandomi di questo film, che se poi vogliamo trovarci qualcosa in comune tra i due diciamo che in entrambi i casi il pretesto resta decisamente lontano e migliore del risultato. Filmaccio di Virzì a parte, il problema dei suoi consigli è che terminano sempre con il racconto dell’intero film, sì, finale compreso, e per questo film non c’è stata eccezione. Facciamo così, misantropia amica mia, il finale citazionista lo dico anch’io: “Ormai detestate l’umana natura.. Sì, per me è una spaventosa sciagura”.
Ecco, ma è andata bene, questo è uno di quei casi in cui se anche sai già come finisce non cambia proprio gnente.

Isolotto francesino vicino a La Rochelle. Serge, dopo aver deciso di non fare più l’attore, schifato dalla povertà delle persone di spettacolo e dalla loro mercificazione, si rifugia e isola (ridere) dal mondo intero, solo e incattivito. Fino a quando Gauthier, attore di quelle serie tv che ti fanno riconoscere per strada da sciure e tassisti, decide di interrompere il silenzio di Serge per proporgli di ritornare a recitare in un suo spettacolo teatrale: Il misantropo di Molière, così da poter riscattare la propria carriera di attoruccio.

– – –
pausa ripassino su Il misantropo, che così siamo tutti contenti
Alceste, protagonista idealista, intransigente ai proprio principi etici anche se in contrasto con quelli sociali, innamorato della bella Célimène se ne dovrà separare per incompatibilità. Antagonista della vicenda è Filinite, realista convinto che il mondo non si possa cambiare e che per sopravvivere ci si debba adattare all’immoralità e alla falsità propria della società.
Alceste, tenendosi stretti i suoi ideali, finirà per essere allontanato da tutti, abbandonando la mondanità per la solitudine.
fine ripassino
– – –

Entrambi primadonna non vogliono demordere su chi farà la parte di Alceste, tanto da rimandare la decisione ad un testa e croce, che li farà continuamente alternare tra i due personaggi. Nell’infinita serie di prove le parole di Molière fanno da didascalia allo scontro dei caratteri e alle similitudini tra persona e personaggio. Così poco sottile da cogliere come parallelismo da farlo diventare ridondante (lontanissimo è lo splendore di Venere in pelliccia). Alla banalizzazione del tutto concorre un contorno poverissimo, dove l’italiana Maya Sansa (io l’ho guardato in italiano e dio mio il suo doppiaggio mio dio) ha il ruolo dell’itagliana innocua tentatrice e triste preda contesa tra i due, una tristissima Célimène; il tutto poi inframmezzato da insulsi giri in bici e banali vicende di paese.

Rimandando alla rappresentazione teatrale un personale tentativo di riscatto, cadono e inciampano, dalla bici del titolo e sul palco, che casca insieme a loro.

Passando oltre la locandina terrificante almeno il lieto fine ce l’hanno evitato, ma questo già l’avevo detto.

Visto con: piumone.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 246 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: