Come un tuono

come un tuono poster

Luke sembra non avere avuto nulla dalla vita, se non un dono: in moto ci sa andare, e Bene. Nomade in uno show ambulante, per guadagnare due soldi fa quella cosa matta di correre dentro una gabbia/uovo di metallo insieme ad altre due moto, e un’idea di che personaggio sia ce la facciamo subito. Terminato lo spettacolo vediamo spuntare dal tendone rosso Romina, vecchia fiamma conosciuta alla fiera dell’anno precedente, e ancora non immune al suo fascino il silenzioso e irresistibile stunt ci riprova, ma lei, un po’ tanto a fatica si nega, dicendo di essere fidanzata. Ma come fai a rifiutarlo?! (che gli perdoni tutto, anche quel biondo imbarazzante)

ryan goslinge infatti non ci riesce. Scoperto di avere avuto un figlio con Ro (una Eva Mendes così secca da urlare Nutritemi) decide di abbandonare tutto e di essere il padre che non ha mai avuto, o quantomeno ci provacome un tuono gifE se un buon padre non può essere, e nemmeno il compagno che una donna si merita di avere, tenta di colmare almeno un vuoto, quello economico. Grazie al fedele amico e compagno di disperazione, mette in atto una serie di rapine in banca riuscendo sempre a scamparla grazie a velocissime fughe in moto, ignorando però l’unico saggio consiglio che gli viene dato ‘se corri come un fulmine ti schianati come un tuono’. E proprio con uno schianto termina la triste parabola di Luke, proprio per mano di colui che sarà il protagonista del nuovo capitolo, Avary (un bradley Cooper che sembra stia imparando a recitare)

bradley cooper come un tuonopolizzotto alle prime armi che al primo sparo non sbaglia mira, e il passo da assassino ad eroe è brevissimo.
Un incontro a cui solo uno dei due sopravviverà: abbandoniamo il disperato Luke affetto da bullismo e solitudine, e troviamo Avary, costretto ad essere esempio di rettitudine e destinato a ricoprire il ruolo dell’eroe, portando il peso del celato non merito.
Due atti di una tragedia perfettamente speculari, in cui un protagonista lascia il posto all’altro, affidandogli il suo ruolo. Con l’arrivo della terza generazione ha inizio il terzo e ultimo atto, prevedibile ma forse inevitabile, in cui il frutto dei padri prende vita, forma e si distrugge.
Ciò di cui si parla quindi altro non è se non di tre generazioni messe a confronto, legate in un’unione così forte da sembrare indissolubile. Il legame padre-figlio, anche nel caso in cui il primo venga meno, resta indelebile, non lasciando speranza al cambiamento. Al figlio altro non spetta se non di portare il peso dell’eredità lasciata dai padri.
Ci sono in principio due padri: quello di Luke, assente che ‘guarda come sono diventato’, e quello di Avery, presente come un’ombra gigante, posto a modello di una rettitudine ambigua. Ci sono poi Luke e Avery a loro volta padri, nel primo caso genitore di un figlio non cercato, sconosciuto ma poi cercato e reclamato, con cui è costretto a condividerne un periodo brevissimo. Avary invece simula la perfezione del padre, restando invece anafettivo, assente e incapace di amare il proprio figlio. Infine compare la terza generazione, i figli, Aj e Jason (che abbiamo già visto qua e che se non è il sosia di Leo da giovane io non so..)dane dehaancostretti come in un imprinting a ripercorrere i passi, gli errori e le gesta dei propri padri.
Il film non molla Mai sul pedale della pesantezza, della tristezza e rimarca continuamente il fatto che una ferita non si rimargina, può solo riaprirsi e sanguinare ancora e ancora.
Il parallelismo costante un po’ appesantisce e un po’ troppo si dilunga in un didascalismo non così necessario, delineando un cerchio che si chiude, dove lo spirito ribelle prendendo velocità tenta di sfuggire alla traiettoria del proprio destino. La vita altro non è se non un cerchio, in cui anche quando tutto sembra immobile le cose ritornano, cicliche, almeno fino al momento in cui tutto si spezza e il cerchio si rompe.

PS: per quei spero pochi che non l’hanno ancora visto, andate subitosubito a recuperare il precedente film di Cianfrance, Blue Valentine, dove c’è questa scena qui 

che vi farà innamorare in circa 02 secondi. Nessuno è immune al fascino del caro Ryan. Nessuno.

Visto con: Marika

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...