Leaving

leavingMi è stato chiesto dal Lago Film Fest in persona di guardare Leaving, una web serie italiana, e ok che dopo 3 cousins penso non possa esserci di peggio, ma prima di investire dieci lunghi minuti del mio tempo su youtube (che non li spendo neanche per guardare i video di gatti che fanno cose), vado a leggere qualcosa del progetto. Scopro così che la serie nasce in Puglia, scritta, diretta ed interpretata da un gruppo di ragazzi sedicenni, che definiscono la serie come ‘magica’ e ‘una delle più seguite in Italia’.
Vabbè, mi avete convinto, la guardo.

Per i meno coraggiosi che non premeranno play ► ecco cosa succede nel primo episodio:

Tizio (non ha nome) dice di essere ‘negli States’ in un viaggio solitario post maturità. Dieci secondi dopo ci dice che non vede l’ora di partire e che questo viaggio Insieme servirà ad unirli… come tempistiche e chiarezza ci siamo. Ci presenta poi Anthony, uno degli amici che partirà con lui, e che a suo dire ‘non ha nulla da invidiare ai più famosi comici americani’, una sagoma insomma. Ed ecco poi tutto il gruppo riunito a New Castle, pronto per paritre. ?! Dopo averci presentato le componenti femminili del gruppo li vediamo partire con un volo direzione Parigi. WTF? Li ritroviamo poi di notte mentre camminano tra i borghi (di chissà qualche città a questo punto), ed ecco che il comico mancato raccoglie da terra un volantino urlando ‘un foglio!!’, leggendolo scopre che andando al tot indirizzo potranno vincere un viaggio per Mesagne. Tra i sensitivi che dicono che la cosa puzza di bruciato e quelli colmi di fiducia che sono certi non succederà nulla, il gruppo parte diretto verso il misterioso indirizzo. Arrivati, entrano in una stanza colma di fumo e luci viola, dove una donna seduta di fronte ad una sfera magica, legge il loro futuro: lungo il viaggio succederà qualcosa di inaspettato, ignoto, e non è sicuro che ritorneranno… Ma questi ragazzi non sono mica nati ieri, loro alla magia non ci credono! E mentre camminano per ritornare al taxi vedono, nascoste tra i vicoli della città, tre ragazze vestite di nero, quindi chiaramente delle ragazzacce, parlare di un misterioso incarico che devono portare a termine. Il mistero si infittisce… e su queste ultime immagini la puntata finisce.

Penso di non aver mai visto una cosa più sconclusionata in tutta la vita. Cari ragazzi, se vi divertite a farlo fatelo, e se volete un bravò perché ci provate e avete 16anni ve lo concedo, ma è veramente e magicamente inguardabile.

Visto con: la dimensione spazio-temporale distrutta

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...