La felicita´ di un messaggio

Oggi si pranza con Ramon, e volendo fargli provare la favolosa cucina della moglie del crucco ci avviamo al centro sociale, e scopriamo che per la prima volta non ha nulla di pronto, questo è Futu che porta sfiga. Nada, andiamo dalle sciampiste, e lì incontriamo una coppia di italiani, che ancora non ho deciso chi dei due è più scoppiato. E con l’amaro in bocca e ben poco in pancia strapaghiamo le due sceme e ritorniamo a casa. Futu, munito di hard disk, mi fa vedere un po’ che filmetti ha e finiamo che io non prendo praticamente niente e lui si piglia tutti i miei film francesi, finalmente qualcuno che apprezza. Vista la marea non proprio allettante decidiamo di saltare il bagnetto e di restare rinchiuse a lavorare. È il momento di connettersi a internet, che solitamente corrisponde ad una mezzora di nevrosi pura, che ogni volta ti domandi: ma perché continuo a rifarlo? E invece no, oggi miracolosamente riesco a fare tutto veloceveloce, copio una mail e un messaggio lungolungo da fb e me ne ritorno in camera a leggerli sotto la zanzariera. Ricevere dei messaggi non è mai stato così bello, tra semi commozione e grasse risate sperimento la vera felicità nel sentire qualcuno di distante, oggi più di sempre. Non potendo stare online 24H su whatsapp ricevere un sms diventa preziosissimo, e leggere una mail di qualcuno che da lontano ti pensa ha tutto un altro sapore, un altro valore. Abituata a poter sentire chi volevo sempre e comunque non mi rendevo conto di passare le ore a dire niente, e realizzo che la lontananza davvero svela i veri sentimenti, le vere mancanze. Con la felicità pura andiamo a cena e questa sera piatto mistero: banana soup. Mi informo da Jork il crucco, che forse è già mezzo sbronzo, e mi dice di non sapere se dentro c’è del latte, ma la sera prima una signora italiana dello slow food movement da quanto era buona voleva saperne la ricetta. Aspetta, slow food? Qui? Sì, e me la sono persa, ma a quanto pare sta seguendo un progetto a Quirimba, interessante… Zuppa che vai a sapere cosa c’ha dentro ma delizia deliziosa. E guardando robert de niro che guida di notte mi addormento.

Scritto: con la panza strapiena

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...