Jiro dreams of sushi

Tokyo. Entriamo in uno dei locali di sushi più popolari del mondo, e con i suoi soli dieci posti probabilmente uno dei più piccoli. Sempre presente dietro al bancone troviamo Jiro, l’occhialuto chef ottantacinquenne con tre stelle Michelin nel taschino. L’oramai eroe nazionale ci fa entrare nella sua cucina e ci racconta passopasso tutto quello che sa del piatto a cui ha dedicato una vita intera. Il suo lavoro come apprendista inizia alla tenera età di dieci anni e da quel giorno in poi le sue giornate sono state scandite da una routine sempre uguale, fatta di dedizione sacrifici passione e amore per il suo lavoro, con l’unico obiettivo di migliorarsi costantemente per raggiungere la perfezione. Il documentario quindi non parla solo di pesce e riso, anche se le scene degli acquisti al mercato del pesce sono qualcosa di così bello da sembrare irreali, ciò che Jiro ci insegna è la ricetta del successo, e di come ottenere il rispetto per un lavoro fatto a regola d’arte.
Uno dei classici esempi di ‘a volte un bel documentario è molto meglio di un bel film’. Quel serioso di Jiro altro non è se non un bambinetto pestifero che ha trovato la sua strada e il rigore solamente stando in cucina a sgobbare e il resto del tempo resta un vecchietto puccioso con la faccia furbetta Io comunque ho deciso che non c’andrò più in quei postacci che ti servono il sushi sul nastro che sta lì a girare all’infinito, eccheschifoè?!
E mentre guardavo il documentario pensavo: ‘ma come lo mangiavo io il sushi?!’ Ssciacc tutto il riso nella salsa di soia! barbara che non sono altro… Se mi avesse visto Jiro quante bacchettate sulle mani mi avrebbe dato. Se siete capre, o meglio, carpe come me leggete qui sotto e imparate

Comunque se vi interessa saperlo ora il sogno della mia vita è andare in Giappone in un mercato di tonno e assistere all’asta mattissima. Guardate qua, così magari riesco a raccattare qualcuno che venga con me, e che magari mi compri pure il biglietto. Arigatou.

Visto con: una fame indecente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...