Indie game – the movie

Quattro protagonisti, tre giochi e un unico comune scopo: esprimere se stessi attraverso la realizzazione di un videogioco, la nuova forma d’arte del 21esimo secolo.
Usa, seguiamo il lavoro no stop di alcuni indie games developers (com’è indie anche solo scriverlo) alle prese con la creazione del videogioco che hanno interamente pensato, realizzato e in alcuni casi finanziato.
Documentario di cui non sapevo Nulla fino a mmm.. qualche ora fa, e che a quanto pare ha smosso il mondo (il tomatometro da 100%. azz), ma ciò nonostante prima di premere play pensavo ‘noo sarà Sicuro una cosa nerdissima e noiosissima!’ Niente di più sbagliato.
Più che un documentario tecnico sui videogame indipendenti, si rivela essere un racconto sulla vita personale di questi quattro nerdoni votati al sacrificio fisico, psicologico ed economico per la realizzazione del loro ‘figlio digitale’: Phil Fish creatore di Fez, Edmund McMillen e Tommy Refenes ideatori di Super Meat Boy e Jon Blow realizzatore di Braid.
Dopo due anni di produzione, più di 300 ore di filmati e numerose interviste a quotati games designer, i registi canadesi Lisanne Pajot e James Swirsky hanno deciso di concentrare il loro racconto solamente su questi quattro protagonisti, facendoci vivere tre diverse fasi nella carriera di uno sviluppatore.
Phil Fish dopo tre anni è ancora alle prese con la realizzazione del suo Fez, senza più i soldi del finanziamento, abbandonato dal suo partener che ora lo cita in giudizio, ossessionato dall’estetica e dal livello di dettaglio che vuole raggiungere, insultato e odiato da tutti i fan che ne aspettano da anni l’uscita e nella convinzione che se non riuscirà a finire la sua creazione si suiciderà.
Edmund McMillen e Tommy Refenes sono nei giorni che precedono il rilascio del gioco, emozionati e tesi all’idea che il loro Meat boy, un pezzo di carne privo della protezione della pelle, che rischia costantemente la vita per raggiungere la fidanzata che è coperta di bende, abbia il successo che merita, e infine Blow che parla con la calma e la saggezza di quello che ha già venduto il suo Bride e visto il gigantesco successo ottenuto può parlarne con rilassatezza filosofica.
Le interviste, più che discorsi preparati e studiati, sono vere e proprie confessioni che in alcuni casi diventano reali sfoghi e racconti a cuore aperto, e mantengono sempre vivo il carattere introspettivo e riflessivo del filmato, aiutate anche dalla presenza di Jon Blow che con la sua voce da guru ipnotizza e può dire tutto quello che vuole che per noi va bene.
Documentario che sorprendentemente arriva a parlare di amore e morte, di sacrificio e passione, e l’indie nel titolo altro non è se non la voglia di realizzare qualcosa di totalmente personale, senza l’intervento di altre mille persone che ne storpino la natura genuina, lontani dal voler diventare famosi o dal fare soldi a palate, con la speranza di creare attraverso una nuova concezione del platform game qualcosa che sia per i ragazzi di oggi quello che per loro è stato giocare con i primi videogiochi come Super Mario Bros.
E benché io non sia una giocatrice incallita, diciamo che il mio approccio al videogioco si è fermato allo schiacciare tutti i tasti in modo spasmodico nel tentativo che il mio omino di Mortal Kombat picchiasseduro, questo film mi ha totalmente conquistato.

Visto con: la voglia di abbracciarli tutti e dire Bravo!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...